CRONACA DEL CAMPIONATO 2016/2017

Dopo la cocente sconfitta di Sesto Fiorentino bisogna ripartire. Bisogna tornare subito nelle categorie che merita il Montevarchi, niente più passi falsi come nello scorso campionato.

La campagna acquisti del mercato estivo è di quelle scoppiettanti: dal Foiano arrivano tra gli altri il bomber Monaci, il centrocampista Barbero e il portiere Liberali. Dalla Bucinese il difensore Travaglini e dal Sansepolcro la punta Essousi, che con il recuperato Lacheheb completa il reparto offensivo. Sempre dal Sansepolcro arrivano Chiasserini e Gorini dalla Civitanovese. Le aspettative sono quelle di fare un campionato di vertice e andare subito in Serie D, possibilmente da primi in classifica e magari con qualche giornata di anticipo.

Insomma, il messaggio è chiaro: in questo campionato non si vuole solo vincere ma anche dominare. Sarà comunque difficile (vincere un campionato non è mai facile), le altre squadre non saranno disposte a fare sconti a noi, anzi, giocheranno con il coltello tra i denti.

Le amichevoli estive contro, tra le altre, Pianese e Gavorrano fanno ben sperare e tutti non vedono l’ora che il campionato inizi. E arriviamo così alla prima, sul neutro di Sansepolcro contro la Baldaccio Bruni, dove vinciamo con un rotondo 3-0 e mandiamo un chiaro messaggio a tutti: vogliamo vincere. Una prova convincente arriva anche la domenica successiva in casa contro il Foiano, dove l’Aquila domina per tutti i novanta minuti. Successivamente ci rinviano la partita contro la Bucinese per ordine del prefetto. Sembrerebbe che questa squadra non abbia il campo regolamentare e in tutta la settimana non sono riusciti a trovare un altro stadio dove far disputare l’incontro. Costretti quindi ad uno stop forzato ci vediamo scavalcati dal Grassina, nostra diretta inseguitrice e quindi momentaneamente secondi. Ma non ci disperiamo; la domenica seguente asfaltiamo in casa il Porta Romana con un 4-1, poi il Signa in trasferta 0-3, riconquistando la vetta della classifica sorpassando il Grassina, a dimostrazione che con un Montevarchi così non ce n’è per nessuno.

La domenica successiva vinciamo anche contro la Castiglionese (1-0) la quale non ha fatto la spettatrice al Brilli Peri, creandoci qualche grattacapo durante il primo tempo, nel secondo l’Aquila ha molte opportunità per chiudere la il match però non concretizza ma la Castiglionese non ha demeritato.

Arrivano vittorie per 3-0 contro Sestese prima e Lastrigiana poi, fino alla trasferta di Prato contro lo Zenith Audax, dove si gioca una partita poco brillante e con qualche errore di troppo ma che ci consente di acciuffare il pareggio allo scadere, per 2-2 ed allungare ancora sulla seconda.

La vittoria in rimonta contro l’Olimpic Sansovino ci consente di vincere la quinta partita consecutiva in casa e di mandare un altro messaggio: vinciamo contro tutto e tutti, leviamoci al più presto da questa categoria e torniamo dove meritiamo di stare.

La trasferta successiva a Borgo San Lorenzo contro la Fortis Juventus vinciamo ancora per 0-3, centriamo il nono successo in undici gare e ci godiamo il primato in classifica ancora più netto.

La domenica seguente riceviamo in casa la Sinalunghese, un’ottima squadra anch’essa costruita per disputare un campionato importante. Questa viene a Montevarchi a giocarsela, ci affronta a viso aperto e ci costringe al pareggio per 2-2 in una partita ricca di occasioni da una parte e dall’altra.

Il primo stop arriva nella giornata successiva a Figline contro il Valdarno FC, una squadra che lotta per non retrocedere e che ci infligge la prima sconfitta stagionale in un torneo finora dominato.

Una sconfitta arriva anche contro il Grassina in casa una settimana dopo, che ci fa tornare con i piedi per terra. Non sarebbe appropriato mettersi a parlare di crisi in questo momento, visto che il vantaggio è ancora netto, ma la sensazione che qualcosa cominci a scricchiolare c’è e la sicurezza di essere la squadra corazzata ammazza-campionato comincia un po’ a svanire; ma la vittoria la domenica successiva in trasferta a Chiusi riporta un po’ il sereno prima della pausa natalizia.

Il campionato si riapre a gennaio 2017, con la prima partita del girone di ritorno in casa, contro la Baldaccio Bruni; finisce con uno scialbo 0-0 anche se abbiamo corso il rischio di perdere la partita per qualche errore difensivo.

Il Grassina intanto ha accorciato le distanze e si trova a -3 da noi, quindi adesso è importante mantenere la concentrazione e di fare più punti possibile senza fare sconti a nessuno, visto che di regali fino ad ora ne abbiamo fatti fin troppi. Prendiamoci questo campionato, leviamoci il prima possibile da questa categoria che non ci rappresenta e torniamo dove meritiamo di stare, in Serie D. Sosteniamoli, perché i ragazzi ne hanno bisogno e seguiamoli ovunque giocheranno. Che sia un 2017 di soddisfazioni e di vittorie!

Alé alé rossoblé!

FABIO CECCHERINI