AQUILA MONTEVARCHI: Butini, Mussi, Piccioli, Marzi (Picchioni), Fabbri A. (Pasquini), Arostini (Bernini), Sciarradi, Bigazzi (Fabbri E.), Ugolini, Martini, (Faleppi), Bertozzi. A disp.: Marraffa, Sulejmani, Montefusco, Sacchetti. All.: Montefusco-Baldini

RETI: 54′ Bigazzi

COMMENTO – Al Brilli Peri va in scena il derby tutto femminile tra Aquila Montevarchi e Marzocco Sangiovannese. La cornice di pubblico è quella sperata, quasi 300 spettatori, la Curva Sud si anima e anche i tifosi ospiti si fanno sentire. Prima dell’inizio del match le due squadre si presentano rispettivamente prima e seconda del campionato di Serie D femminile.

La Marzocco inizialmente costruisce di ripartenza cercando di aprire la difesa rossoblu con le incursioni di Rinaldi e Monciatti, quest’oggi veramente in palla e sempre pericolosa palla al piede. Dall’altra parte le ragazze di Montefusco e Baldini cercano di risponde con il classico giro palla di favorire le incursioni laterali con Bigazzi e Fabbri, non disdegnando anche le vie interne sfruttando il gioco di sponda di Martini per Bertozzi. Il risultato però non si schioda dallo 0-0. Poche le conclusioni degne di nota, fatto salvo per un tiro dalla distanza di Sciarradi ed una svirgolata sotto porta di Bertozzi su assist di Fabbri.
Nel secondo tempo l’Aquila Montevarchi rientra in campo con un altro piglio riuscendo a trovare il vantaggio dopo appena nove minuti, Sciarradi crossa verso il dischetto azzurro, salta Martini che anticipa portiere e difensore servendo Bigazzi che raccoglie il pallone sulla sinistra e con precisione e potenza insacca sotto la traversa alle spalle di Grifoni. Il Brilli-Peri e la sua curva esplodono come la panchina rossoblu. La Marzocco Sangiovannese ci prova nonostante lo svantaggio guadagnando metri nel mediana, ma i tiri verso la porta di Butini sono veramente sporadici e controllati con tranquillità dalla difesa aquilotta.
Il Montevarchi comincia ad effettuare le sue sostituzioni e cerca di pungere di ripartenza, Grifoni è miracolosa su Ugolini, poi Piccioli sfiora di poco il palo con un tiro a giro. Ci provano anche Bertozzi e Fabbri E., ma le loro conclusioni son ben parata dall’estremo ospite. Espulsi frettolosamente anche i due mister, la partita è stata corretta da ambo le parti. Nel finale il Montevarchi rischia la beffa, ma il tiro dell’avanti azzurra finisce tra le braccia del portiere rossoblu. Dopo ben sette minuti di recupero l’Aquila può meritatamente dar vita alla festa. 
Entrambe hanno espresso un bel gioco a testimonianza di come il calcio femminile stia crescendo anche nel nostro territorio.
A fine gara la classifica racconta che l’Aquila Montevarchi è sempre più capolista perchè la sua vittoria ed il contemporaneo pareggio del Centro Storico Lebowski ed il turno di riposo del Filecchio Fratres la fanno balzare a quattro punti di vantaggio sulla seconda posizione condivisa a parimerito da queste con la Sangiovannese.