Di seguito riportiamo l’articolo, a firma Davide Torelli, su Valdarno Oggi per il numero di Febbraio:

Andrea Romei, Vicepresidente dell’Aquila 1902, racconta – per quanto possibile – il progetto di ristrutturazione degli impianti sportivi presentato dalla Società al Comune.

L’idea di continuare a crescere per il calcio Montevarchino, passa decisamente dalla ristrutturazione degli impianti sportivi a disposizione: un possibilità ampiamente discussa negli ultimi anni, che sembra essere sul punto di concretizzarsi. È il Vicepresidente dell’Aquila 1902, Andrea Romei, a raccontare parte dei dettagli di un piano presentato a fine 2018.

“Il progetto è stato proposto attraverso un bando pubblico che prevede la gestione di tre strutture sportive come il campo di Mercatale, l’Antistadio e lo Stadio Brilli Peri. Al momento non ci è possibile entrare nei dettagli perché la presentazione effettivamente formulata si trova al vaglio della commissione competente; sappiamo però che la società Aquila 1902 è risultata essere unica partecipante. Tuttavia dopo le valutazioni dell’Amministrazione Comunale, potrebbero esserci modifiche o tagli eventuali nelle prospettive presentate” racconta Romei, introducendo una panoramica delle  proposte effettuate.

“Possiamo comunque dire che ci siamo concentrati prevalentemente sullo Stadio e sull’Antistadio. Per quanto riguarda il Brilli Peri, è assolutamente indispensabile una ristrutturazione totale, per adeguarlo alle norme antisismiche ed ai criteri di sicurezza richiesti dalla Lega Nazionale Dilettanti. Particolare attenzione sarà destinata alla copertura della tribuna ed alla gradinata, ma sarà opportuno adeguare anche le curve, in una struttura che oggi appare fatiscente e che subisce decenni di manutenzioni mancate. Chiaramente all’interno ci sono spazi recuperabili che possono essere funzionali a migliorare il lavoro delle squadre collegate alla nostra società, come lo spazio interno alla gradinata che potrebbe ospitare spogliatoi in più, magazzini ed una nuova infermeria. È previsto anche un intervento sulla pista d’atletica per permettere anche alle altre società sportive che usufruiscono dello stadio di poter beneficiare di una struttura migliorata. Senza dimenticarci l’importante adeguamento dei lampioni secondo le richieste vigenti, con l’obiettivo di poter giocare anche partite in notturna quando necessario.

Le trasformazioni più importanti, invece, riguarderanno l’Antistadio. L’idea è quella di dotarlo finalmente di un campo sintetico polivalente, di raddoppiare gli spogliatoi e di costruire una tribuna per gli spettatori delle partite giovanili lì destinate. Questo può permetterci di potenziare una struttura destinata a lavorare anche in serale, di organizzare tornei giovanili e di creare una sorta di piccolo centro sportivo, con l’obiettivo di inserirvi anche una zona ristoro, che potrebbe essere funzionale anche ai giocatori oltre che alla cittadinanza, eventualmente da darsi in gestione”.

Una serie di lavori che prevedono tempistiche d’attuazione quasi immediata, una volta accolti. Chiaramente dovranno essere organizzati nei momenti di pausa della stagione calcistica per non intaccare la possibilità di disputare incontri aperti al pubblico soprattutto al Brilli Peri.

(Fonte: Valdarno Oggi