Era il 10 Dicembre del 2011 quando il compianto Vittorio Firli donò alla città il marchio della CS Aquila 1902 sancendo la definitiva rinascita del calcio a Montevarchi, iniziata, poco tempo prima, con la Società Audax.

Era il 2011 ed eravamo in Seconda Categoria. Tutto doveva essere ricostruito. Era necessario, riprendendo le parole sempre di Firli, “nella storia ci siamo sempre rialzati dopo le difficoltà, ma non eravamo mai arrivati a questo punto. C’è bisogno di tirarsi su le maniche per far volare di nuovo l’Aquila”. E così, grazie ad un gruppo di dirigenziale composto da Montevarchini, L’Aquila è tornata a definitivamente a volare fino a raggiungere il punto più alto, da quando è ripartita, i Play-off di Serie D.

Sarà con in mente questo percorso che domani i ragazzi scenderanno in campo, rappresentati da Capitan Mannella che di questa rinascita è stato protagonista sul campo.

La squadra è motivatissima e cosciente di affrontare l’impegno con un solo risultato utile, ma potrà giocare con la consapevolezza di non aver niente da perdere visto quale era l’obbiettivo di partenza in questa stagione.

Tutti a disposizione esclusi gli infortunati, ormai di lunga data, Frati, Lischi e Regoli. Si presume il solito 4-3-1-2 con il ritorno di Essoussi in coppia con Masini. Resta da scegliere il nodo solo della quota ‘99 tra Diarrassouba e Migliorini.

I tifosi al seguito della squadra invece saranno circa 300, organizzati con pullman e auto private. A loro sarà riservato il parcheggio di Piazza San Giovanni (detta anche “Piazza della Fiera”). Gli sportivi valdarnesi muniti di accredito, invece, saranno presi in consegna dagli steward e sistemati nell’apposito settore ricavato in tribuna.

Tutti insieme, fino alla fine per continuare a volare. Alé Alé Rossoblé.