Ci siamo, il 100° derby del Valdarno è in arrivo. Tutto il popolo Rossoblù si sta mobilitando per assistere ad un evento in qualche modo storico. Si perché non sono molte le Società che possono dire di aver giocato 100 derby. La curva Farolfi, per l’occasione, allestirà una coreografia particolare ed ha richiamato i tifosi con parole al miele per la squadra e la città: “Abbiamo ideato e realizzeremo una speciale coreografia, celebrando quello che più ci rappresenta, e cioè i colori della società calcistica più antica della Toscana e i colori della  nostra città, divisa in 4  quartieri che si contendono ogni anno la Mezzina nella contesa del Gioco del Pozzo. Montevarchi per noi è amore viscerale ed incondizionato, ribadiamolo ancora una volta tutti insieme, orgogliosi delle nostre radici, a difesa della nostra terra, fieri di essere Montevarchini.” Così la Curva ma sappiamo già che non mancherà il supporto anche dagli altri settori dello stadio come la tribuna o la “Oxford”.

Non parleremo in questo articolo della storia del derby, lo hanno fatto persone sicuramente più qualificate. Vorremo parlare dello stato attuale delle due squadre, di come arrivano al derby e delle differenti motivazioni.

Lato San Giovanni sicuramente il momento non è dei migliori ed anzi la serie di sconfitte consecutive ha stabilito nuovi record negativi per la società bianco azzurra. La difficoltà è marcata anche dal cambio di allenatore appena avvenuto dove all’esonerato Calori è subentrato una vecchia conoscenza del calcio Montevarchino, Federico Nofri. Il neo Mister Sangiovannese ha vestito la maglia del Montevarchi per tre stagioni ed in una di queste è stato il capitano della squadra rossoblu. Le difficoltà che stanno affrontando a San Giovanni non devono però indurre a pensare che la partita sia facile per due ragioni principali: primo il Montevarchi ha raccolto un solo punto contro ultima e terzultima in campionato a riprova che non esistono partite scontate, secondo, i “cugini” nel derby riescono a trovare sempre energie insperate. 

Venendo sulla sponda Aquilotta l’ avvicinamento alla gara è stato affrontato con la voglia di rivalsa dopo la sconfitta nel derby d andata. Mister Malotti dovrà fare a meno di uno dei giocatori fin qui più positivi, Luca Lischi, appiedato dal giudice sportivo. Tra gli assenti da registrare il solito Iroanya alle prese con il recupero dall infortunio e che tornerà disponibile tra un paio di settimane. 

Appuntamento Domenica  2 Febbraio, ore 15:00, allo stadio Brilli Peri per il derby n. 100. Alè Alè rossoblè.

Arbitro: Sig. Mario Perri Sez. Roma 1

Assistenti: Sig. Michele Baschieri Sez. Lucca e Sig. Simone Marconi Sez. Lucca